Le basi del self made

Discussioni generali relative alle boilies ed alle vostre ricette self made

Moderatori: angelo, 80luke

Rispondi
ciandy
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 2281
Iscritto il: 23/04/2009, 9:45
Regione: Veneto
Località: Tribano Padova
sesso: M
data di nascita:: 30 gen 1987
Record cappotti: 6

Le basi del self made

Messaggio da ciandy » 26/05/2012, 17:08

Il 50/50 è uno dei più famosi e dei primi mix formulati dai pescatori di carpe degli anni ’70 che affianco a teorie molto più complesse su mix ad alta nutritività (HNV) ne cercavano altri più semplici, meno costosi, che fossero graditi in maniera istantanea dai pesci che amavano pescare.
Noto anche come “carrier mix” ovvero “trasportatore”, deve la sua fama alla capacità di veicolare nell’ambiente esterno segnali chimici che ingannano il pesce facendogli credere che ciò che noi gli offriamo sia un elemento nutritivo e gustoso!
Grazie a queste caratteristiche, attrattività e semplicità, è diventato il re dei mix riguardo alla velocità di entrata in pesca. Viene accettato immediatamente in qualsiasi acqua lo andiamo ad usare a patto sia composto con metodo. Non è così facile replicare un buon 50/50 commerciale ed il segreto sta nella qualità delle farine che andremo ad usare al suo interno e alla perfetta bilanciatura tra ingredienti leganti ed ingredienti di gusto che creano un connubio vincente adatto a pescate rapaci.
Data la sua estrema semplicità e nutritività medio-bassa sarà un mix il cui uso, salvo particolari condizioni delle acque in cui lo andremo a gettare, è consigliato per pescate veloci, con pasturazioni anche massicce ma sempre focalizzate nel medio-breve periodo, oltre il quale il pesce, capito il tranello, non risponderà in parte o del tutto alle pasturazioni che andremo ad effettuare. Nel medio lungo periodo è quindi consigliabile sostituirlo con mix più complessi quali, birdfood, birdfish e fishmeal.
Qui di seguito è riportata la ricetta originale BIG FISH del mix 50/50 che verrà spiegata passo passo cercando di non lasciare alcun dubbio ai neofiti che si accingono a creare per le prime volte le loro boiles :

35% Semolino precotto
25% Soia tostata deamarizzata
20% TTX o fioccato rimacinato
13% Latte in polvere
07% Caseina rennet

• Semolino: ingrediente usato ed abusato fin dagli albori del carpfishing. Nel mix in questione funge da base legante con un indice di assorbimento dei liquidi (acqua) medio basso che va a bilanciare l’igroscopicità maggiore della farina di soia. Cosa importantissima è che deve essere precotto. Come detto in mille salse la carpa stenta a digerire gli amidi, peggio ancora se solo parzialmente cotti. La cottura media di una boile di 20 mm si attesta su 4-5 minuti, a vapore, mentre quella di cottura del semolino su almeno il doppio! E’ facile intuire che daremmo al pesce un alimento per la maggior parte crudo con conseguente rifiuto dello stesso a cibarsene già in tempi medio brevi.
• Soia: funzione importantissima è quella di portare un minimo di nutritività al mix. E’ una delle poche farine vegetali egregiamente bilanciata dal punto di vista nutrizionale, con un tasso proteico medio-elevato, ricca di grassi perlopiù polinsaturi, lecitine e con un buon gusto nocciolato. La farina in questione deve essere della miglior qualità possibile, non quella per bestiame, rigorosamente tostata e deamarizzata pena il rifiuto da parte del pesce dell’esca in tempi molto brevi. La soia cruda presenta fattori antinutrizionali che inibiscono l’enzima tripsina che è uno dei maggiori responsabili della digestione delle proteine.
• TTX: farina ricavata dal mais sottoposto a precesso di precottura con relativa estrazione a caldo degli olii, processo che conferisce alla farina stessa un ottimo gusto tendente al biscottato. In alternativa è possibile usare il più economico fioccato di mais sottoposto anch’esso a precottura anche se con un gusto meno marcato. Uno dei segreti per ottenere un ottimo 50/50 sta proprio nell’uso di queste due farine che da un gusto dolce e biscottato al mix!
• Latte e caseina: Sono la parte forse più fondamentale dell’intero mix. Senza di esse la boiles non riuscirebbe a scambiare con l’esterno in maniera graduale sia le componenti che andremo inserire nella parte liquida sia gli zuccheri semplici naturalmente contenuti nelle farine tostate. La meccanica della boile sarebbe falsata ed il segnale chimico che uscirebbe sarebbe troppo intenso e troppo limitato. La pallina si scaricherebbe in un tempo troppo breve creando un effetto repulsivo nei confronti del pesce nelle prime ore di immersione e diventando subito dopo “inefficace” in quanto già completamente inzuppata d’acqua. L’altro rischio è che le boiles dopo breve tempo esplodino e si sciolgano, come le ball pellet, per un assorbimento troppo veloce dell’acqua dato dalla gran quantità di farine vegetali presenti nel mix. Una variante più economica del mix prevede l’utilizzo di un 20% di latte spray, meglio se scremato, al posto delle sopracitate percentuali. Il mix perderebbe un minimo di nutritività ma manterrebbe comunque una discreta elasticità e regolare capacità di assorbimento data dalle proteine seriche presenti in buona percentuale nel suddetto prodotto.
• Parte liquida: il mix in questione è stato ormai rollato con tutti gli aromi presenti sul mercato e con la stragrande maggioranza di essi ha avuto successo. I migliori gusti, a mio modo di vedere, sono quelli dolci sia fruttati, tuttifrutti che ha fatto la soria, fragola, banana, sia cremosi, crema, cioccolato, scopex ecc. Il dosaggio giusto dipende da molti fattori, tra cui la pressione di pesca, qualità degli aromi e comunque per parere personale deve essere a livelli medio alti per creare maggiore attrattività possibile. Per la parte aminocidica vale lo stesso discorso, una quantità medio alta che va a colmare le lacune strutturali del mix, composto per la quasi totalità da farine vegetali, creando una scia attrattiva che sia un’inequivocabile segnale della presenza di buon cibo per il pesce. Il dolcificante lo attesto su livelli medio bassi in quanto il mix stesso non presenta farine con retrogusto amaro o forte come nei fishmeal o birdfish.


Sperando di non essermi dilungato troppo in spiegazioni strane invito tutte le nuove leve a cimentarsi ed allenarsi con ricette come questa già usate da anni con centinaia di catture e prove alle spalle prima di lanciarsi in esperimenti strani onde evitare di fare errori grossolani o di inventare ricette con ingredienti a caso, che portano più perdite di tempo e pazienza che vantaggi.

Se avete dubbi o volete semplicemnete discuterne siamo qui ;)


..l'unico cappotto che conosco è quello di mia madre..

Avatar utente
kingb91
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 2597
Iscritto il: 28/11/2011, 14:58
Regione: Piemonte
Località: caluso [To]
sesso: M
data di nascita:: 25 gen 1991
Record cappotti: 99

Re: Le basi del self made

Messaggio da kingb91 » 26/05/2012, 17:56

complimenti...un altro bel argomento... :D
ciandy ha scritto: invito tutte le nuove leve a cimentarsi ed allenarsi con ricette come questa già usate da anni con centinaia di catture e prove alle spalle prima di lanciarsi in esperimenti strani onde evitare di fare errori grossolani o di inventare ricette con ingredienti a caso, che portano più perdite di tempo e pazienza che vantaggi.
quotissimo...
buona base di partenza per i "non addetti ai lavori"....non c'è niente di specialissimo ed introvabile ed e semplice da realizzare...
:compli: ancora per la spiegazione...
Immagine
NO FLY CARP!!!

riccardo-89-
Carpisti Premium
Carpisti Premium
Messaggi: 125
Iscritto il: 12/01/2010, 20:48
Regione: Piemonte
sesso: M
data di nascita:: 16 apr 1989
Record cappotti: 0

Re: Le basi del self made

Messaggio da riccardo-89- » 09/08/2012, 8:18

Ma quante uova per chilo ci voglio?

Avatar utente
angelo
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 8315
Iscritto il: 19/03/2009, 20:27
Regione: Piemonte
Località: prato sesia
sesso: M
data di nascita:: 18 ott 1953
Record cappotti: 7

Re: Le basi del self made

Messaggio da angelo » 19/08/2012, 18:24

riccardo-89- ha scritto:Ma quante uova per chilo ci voglio?
Circa 8-9per kg, poi dipende da vari fattori,grandezza delle uova , temperatura dell'ambiente dove facciamo il lavoro,umidità dell'aria, cose di questo genere
Immagine Immagine Immagine Immagine
Red Angel bait Official Tester

fasopaolo
Carpisti New
Carpisti New
Messaggi: 3
Iscritto il: 15/09/2012, 21:05
Regione: Veneto
sesso: M
data di nascita:: 10 nov 1965
Record cappotti: 1

Re: Le basi del self made

Messaggio da fasopaolo » 11/10/2012, 20:51

Io sono nuovissimo nella tecnica e vorrei imparare senza fare errori, come scritto da Voi, grossolani. Ho letto vari argomenti a proposito di ricette molte delle quali complicate nella reperibilità degli ingredienti e nel dosaggio. La mia domanda è:
La tecnica dell'impasto è sempre uguale per tutti, cioè, prima cfreazione della parte liquida poi mescolare e impastare le farine?
la cottura è sempre dei 10 min in acqua calda?

sciubba
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 1159
Iscritto il: 04/08/2011, 0:21
Regione: Piemonte
Località: BIELLA (BI)
sesso: M
data di nascita:: 23 ott 1989
Record cappotti: 15

Re: Le basi del self made

Messaggio da sciubba » 11/10/2012, 20:59

Se leggi bene trovi tutto,io uso miscelare la parte secca tenendola per un po di tempo in un secchio chiuso,cmq da una parte "assemblo" il mix con le varie farine,dall'altra la parte liquida con uova,aroma,dolcifante,additivo poi unisco le due parti premiscelate e impasto così tutti i tipi di mix che uso
Ci sono persone talmente povere che hanno solo i soldi

fasopaolo
Carpisti New
Carpisti New
Messaggi: 3
Iscritto il: 15/09/2012, 21:05
Regione: Veneto
sesso: M
data di nascita:: 10 nov 1965
Record cappotti: 1

Re: Le basi del self made

Messaggio da fasopaolo » 11/10/2012, 21:15

Grazie per la Tua risposta. Altra infomazione: quanto costa il fai da te di questo tipo di boiles?

sciubba
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 1159
Iscritto il: 04/08/2011, 0:21
Regione: Piemonte
Località: BIELLA (BI)
sesso: M
data di nascita:: 23 ott 1989
Record cappotti: 15

Re: Le basi del self made

Messaggio da sciubba » 11/10/2012, 21:26

Dipende dove compri gli ingredienti...io ti consiglio un molino classico anche se difficilmente trovi la caseina :? Quindi ti direi di guardare il molino zombini che ha dei prezzi ottimi,non voglio dire una baggianata ma con 2,50€ lo facevo!
Ci sono persone talmente povere che hanno solo i soldi

francesco777
Carpisti Premium
Carpisti Premium
Messaggi: 43
Iscritto il: 10/01/2013, 15:59
Regione: Marche
sesso: M
data di nascita:: 05 lug 1994
Record cappotti: 0

Re: Le basi del self made

Messaggio da francesco777 » 14/01/2013, 15:13

e gli aromi in che percentuale vanno????

lorenzino19
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 515
Iscritto il: 14/01/2012, 0:56
Regione: Toscana
Località: Firenze
sesso: M
data di nascita:: 19 ott 1978
Record cappotti: 0

Re: Le basi del self made

Messaggio da lorenzino19 » 14/01/2013, 16:17

c'è scritto sopra la boccetta le dosi consigliate

Rispondi
  • Argomenti simili
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “BOILIES IN GENERALE e RICETTE Self Made”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti