Info dai professionisti sulle tiger-nut

Un forum di incontro tra carpisti professionisti e amatoriali, discussioni tecniche sul carpfishing con chi ha fatto della propria passione un lavoro. Carpisti Professionisti ed amatoriali uniti da una passione comune!

Moderatori: angelo, 80luke

Rispondi
Avatar utente
luck801
Carpisti Premium
Carpisti Premium
Messaggi: 23
Iscritto il: 27/11/2010, 12:29
Regione: Emilia Romagna
sesso: M
data di nascita:: 04 nov 1978
Record cappotti: 2

Info dai professionisti sulle tiger-nut

Messaggio da luck801 » 13/03/2012, 11:46

ho letto molte conversazioni sui vari forum con molte teorie sulla cottura delle tiger :28: vi chiedo quanto tempo di ci vuole di cottura dopo l ammollo e dopo la cottura se ci vanno aggiunti conservanti oltre a melassa o dip...per non alterarle nel tempo Thanks!!



Avatar utente
Mattia Travasoni
Carpista Professionista
Carpista Professionista
Messaggi: 23
Iscritto il: 20/02/2012, 19:58
Regione: Emilia Romagna
sesso: M
data di nascita:: 08 ago 1982
Record cappotti: 0
Contatta:

Re: TIGER NUT

Messaggio da Mattia Travasoni » 13/03/2012, 13:01

Ciao Luck801,
effettivamente la preparazione delle tiger non è da lasciare al caso, tuttavia le modalità di preparazione sembrano varie... in sostanza ne esisitono due: una con ammollo di circa 24 ore precedente la cottura e uno senza. Personalmente preferisco ammollarle in acqua per 24ore senza l'aggiunta di nessun additivo, successivamente le faccio bollire per circa 40minuti dall'inizio dell'ebollizione, poi lascio riposare il tutto per circa 2-3giorni (senza cambiare l'acqua!!!), poi vado a pesca. L'avvenuta cottura la vedi dal turgore acquistato dal tubero che partirà da "raggrinzito e disidratato" arrivando a essere gonfio e leggermente più morbido...
Essendo un 'esca fortemente deperibile, io preferisco prepararla pochi giorni prima della sessione per disporre di una tiger fresca e molto attraente. Alcuni carpisti amano "cambiare" l'acqua dopo la cottura, secondo me è un errore che inficia su quelli che sono gli zuccheri rilasciati dalla tiger stessa, diventando eccellnti attrattori per le carpe; tu stesso noterai che in molti casi l'acuqa delle tiger diventerà vischiosa e molto densa dopo circa 12 ore dalla cottura, segnale decisivo che indica l'efficacia della tua esca. Se questo non dovesse accadere non disperare, probabilmente la quantità di acqua usata è molto elevata, lo stesso saranno esche molto efficaci.
Alcuni aggiungono zucchero, fruttosio, caffè, bicarbonato durante la cottura... personalmente sono soluzioni valide ma superfule che non sono necessarie al fine di potenziare un'esca che già di per se è una bomba.
Un dato da considerare è definito dalla preparazione delle tiger nella fase successiva alla cottura, per intenderci ad acqua raffreddata. In tal caso è possibile rimuovere l'acqua di cottura lasciandole riposare qualche ora all'aria. Non buttare via tutta l'acqua perchè dovrai preparare una soluzione composta da 50%acqua di cottura, 25% corn step liquor e 25%melassa... immergi nuovamente le tiger in questa soluzione e dopo circa 24-36ore avrai un'ottima esca. Eventualmente potrai aggiungere aroma o altri tipi di additivi, ma attento all'effetto osmotico per il quale la tiger potrebbe "raggrinzirsi" nuovamente a causa della maggiore concentrazione di zuccheri esterni ad essa; se ti dovesse capitare, aggiungi acqua e la volta successiva dimunisci la quantità di melassa (su questo argomento non posso essere molto preciso poichè la melassa è un ingrediente passibile di notevoli variazioni rispetto alla concentrazione di zuccheri, quindi più sarà "dolce" meno ne dovrai usare).
Siccome chiedevi espressamente riguardo alla conservazione, posso dirti che i metodi sono essenzialmente 3: barattoli tipo marmellata che creano un ambientre pressochè sterile all'interno, evitando la proliferazione di muffe, lieveiti e batteri, secondo me è la soluzione più difficile ma la migliore (è anche quella più brutta da vedere e meno pratica!!!); sistema 2, riempiendo fino all'orlo secchi in plastica e magari versando un film di olio per evitare il passaggio indiscriminato di qualunque agente esterno che possa altrarle, si tratta del sistema più usato dai carpisti ma restano inalterate per pochi giorni poi fermentano (buono) ma nella maggior parte dei casi marciscono (male); infine sistema 3, possono essere congelate per lunghi periodi ma una volta estratte dal frezeer le troverai più gommose e mano sode, resta comunque un ottimo sistema. Da poco alcuni carper le seccano al sole disidratandole semplicemente per reidratarle successivamente, altri le mettono in soluzioni zuccherine per cambiare l'acqua quando le dovranno usare, resta il fatto che la tiger da il meglio di se pochi giorni dopo la cottura. Quindi ti consiglio di prepararle pochi giorni prima di andare a pesca, penso sia il sistema migliore, anche perchè si tratta di un'esca che non necessita di ingenti quantità o "sfacchinate" simili a preparare tonnellate di boilies...
Sempre disponibile per chiarimenti
Mattia

Avatar utente
luck801
Carpisti Premium
Carpisti Premium
Messaggi: 23
Iscritto il: 27/11/2010, 12:29
Regione: Emilia Romagna
sesso: M
data di nascita:: 04 nov 1978
Record cappotti: 2

Re: TIGER NUT

Messaggio da luck801 » 13/03/2012, 18:16

Ok grazie Mattia per la tua spiegazione molto precisa! io ho le tiger circa 5/6 kg blak e jubo in ammollo da circa 24 ore però devo andare a fare una sessione vicino ostellato tra poco piu di un mese la mia paura è che dopo la cottura una volta a freddo possano fermentare e poi andare a male quindi dopo la cottura una volta raffreddate le metterei in freezer e scongelarle prima della sessione? oppure toglierle dall ammollo e aspettare un mesetto? :thank:

Avatar utente
Mattia Travasoni
Carpista Professionista
Carpista Professionista
Messaggi: 23
Iscritto il: 20/02/2012, 19:58
Regione: Emilia Romagna
sesso: M
data di nascita:: 08 ago 1982
Record cappotti: 0
Contatta:

Re: Info dai professionisti sulle tiger-nut

Messaggio da Mattia Travasoni » 14/03/2012, 10:05

Viso che sono già a bagno, ti consiglio di cuocerle e congelarle tenendo tutta l'acqua di cottura. In parallelo acquistane un chilo in più da preparare pochi giorni prima della sessione, in tal modo avrai un esca perfetta e potrai mescolarne un po' a quelle da pastura.

attendo notizie sull'esito!
Mattia

Avatar utente
luck801
Carpisti Premium
Carpisti Premium
Messaggi: 23
Iscritto il: 27/11/2010, 12:29
Regione: Emilia Romagna
sesso: M
data di nascita:: 04 nov 1978
Record cappotti: 2

Re: Info dai professionisti sulle tiger-nut

Messaggio da luck801 » 14/03/2012, 14:11

Ok intanto ti ringrazio per i tuoi consigli utili ti farò sapere sull esito al momento della sessione ;)

Rispondi

Torna a “CARPISTI PROFESSIONISTI NEL WEB”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite