Carpe volanti "lecite"

Qui per parlare della natura e dell'ambiente. Problemi ambientali dei luoghi di pesca e delle acque interne, SEGNALAZIONI e varie per il rispetto della natura e dei regolamenti.

Moderatori: angelo, 80luke

pangy
Carpisti Esperti
Carpisti Esperti
Messaggi: 259
Iscritto il: 29/11/2010, 20:22
Regione: Piemonte
sesso: M
data di nascita:: 27 gen 1985
Record cappotti: 7

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da pangy » 30/01/2011, 0:03

Ho scoperto solo ora questo argomento e vorrei dire anch'io una cosa:io credo che la causa di questo fenomeno sia una sola:mancanza di passione!
Per me è tutto li il problema,troppa gente che pratica il carpfishing per moda,per noia,o per imitazione...
Perchè un carpista,un vero carpista,parte,si cerca il posto,lo prepara,cappotta,ricappotta,poi cappotta di nuovo,poi prende,poi magari fa la big!E poi riparte cerca un altro posto,e tutto ricomincia!E se ne frega delle big da 30 chili nei laghi a pagamento,neanche gli viene in mente!Ora non voglio fare polemiche sul pescare in acque libere o a pagamento perchè ci sono anche laghi privati che però sono "naturali" ovvero senza immissione di big,o altre manipolazioni umane,e poi ogniuno pesca dove vuole;voglio solo dire che se i gestori prendono le big volanti,vuol dire che hanno avuto la richiesta (gente che gliel'ha esplicitamente chiesto,o che si è lamentata per le taglie)...Ecco se uno fa una cosa del genere è meglio se si mette a giocare a carte.

Avatar utente
Fabione
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 1413
Iscritto il: 07/08/2009, 12:40
Regione: Emilia Romagna
Località: Lugo di Romagna (RA)
sesso: M
data di nascita:: 09 dic 1975
Record cappotti: 7

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Fabione » 30/01/2011, 0:31

Io quoto Ska. Serve un regolamento con limitazioni ben precise e controlli accurati, in quanto, appunto, è difficile/improponibile pensare di eliminare una attività.

Per quanto riguarda il fare zone C&R, beh, se si pratica carpfishing il C&R viene praticato e basta. E poi c'è da dire che uno può creare tutte le zone che vuole, ma senza i soliti controlli è come se non ci fossero. Se una persona è bracconiere, lo è in zona "libera" alla stessa maniera delle zone C&R.

-OT (ma neanche troppo)-
Comunque la si guarda si torna alla vecchia questione dell'etica, dell'etichetta, della definizione, di chi sente più puro di altri perchè pesca solo in libere ecc... piuttosto che cercare di classificare sarebbe importante insegnare una cultura diversa, a partire dalle riviste, testimonial e marchi vari che per pubblicità mettono solo foto di overbig prese con la tale esca miracolosa (che a casa mia è frutto si di tecnica in genere ma principalmente di c..o :mrgreen: ) o nel tal posto iperblasonato, arrivando ai pescatori stessi che in genere dovrebbero apprezzare la cattura in quanto tale (e non solo per la taglia) e praticare nel modo più esteso possibile il C&R, a prescindere dalla specie ittica insidiata.
-FINE OT (ma neanche troppo)-

tornando in tema... o forse no... è questione di cultura, tutti (o almeno il 97,76%) i pescatori si sentono realizzati col superpesce. e finchè ci sarà domanda di overbig "facili" ci sarà commercio di tali animali, lecito o illecito che sia.
Fabio Cassani
Immagine Immagine
ImmagineImmagineImmagine

Avatar utente
Max74
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2922
Iscritto il: 17/08/2009, 10:33
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 16 mag 1974
Record cappotti: 100
Contatta:

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Max74 » 30/01/2011, 8:34

gobbonegg ha scritto:Ciao max,noi non ci conosciamo e probabilmente mai ci conosceremo in quanto il carpfishing lo pratico in acque libere pero' apprezzo molto il tuo discorso e virtualmente ti stringo la mano.Quello che hai scritto potrebbe esser veramente un punto di svolta:e' ora che anche i gestori se hanno a cuore la carpa prendano posizione contro questi bracconieri! Sarebbe bello se tutti lo facessero: del tipo "ok,quello che e' stato e' stato,da oggi nel mio lago a pago non si fanno piu' immissioni" anche perche' le "over" una volta morte saranno rimpiazzate da quelle di pezzatura media che nel tempo saranno cresciute e quelle piccole prenderanno il posto delle medie e le nuove nate (visto che le carpe si riproducono)saranno le piccole..e cosi' via nel tempo.E' cosi' che succede in natura ed e' giusto che succeda cosi' anche nel tuo lago a pagamento.Poi e' chiaro che in casi estremi tipo una malattia che ne decimi la popolazione nulla ti vieta di fare immissioni,che pero' dovranno essere d'allevamento.E pazienza se non saranno da 15kg,cresceranno!
Una bozza di "certificazione" sui laghi a pago in riguardo a queste problematiche si era cercato di farla dopo la conferenza del carpitaly dell'anno scorso grazie a G.L. Milillo del GetaPesca ma un solo gestore (su tanti che siete)ha accettato.

Ci si puo' conoscere anche senza aver occasione di pescare... i laghetti non hanno la lebbra, sono solo oasi sportive per praticare la passione che piu ci piace...ma questo è un altro argomento! ;)
Lo spostamento di pesci inoltre puo' anche causare morie di pesci gia presenti nel lago..quindi oltre ad andare contro l'eitca..è anche molto rischioso fare questo tipo di immissioni...
Il futuro io lo vedo sempre nella stessa maniera...come per gli essere umani..sono i bambini..ad essere il futuro..per me lo sono i pesci piccoli... se si ha una gestione attenta...si potrà arrivare al punto che il lago rimpiazzi automaticamente i pesci piu grandi che andranno a morire..semplicemente immettendo esemplari normali..che col tempo cresceranno … ovviamente bisogna iniziare subito e non quando ci si accorge che non si hanno piu pesci di taglia, perché i miracoli le carpe non li fanno. Ma se ogni anno qualche carpetta viene immessa … bhe ogni anno la stessa carpa crescerà … ed il lago avrà sempre una rotazione di pesce naturale….
Sulla certificazione da te proprosta….. stendo il silenzio…. E non perché non avrei da dire come la penso….anzi io una mia idea ben chiara ce l’ho….. è solo che non mi va di approfondire pubblicamente questa cosa….
Ti girò però la domanda… ci sarebbe da chiedersi il perché su tanti solo uno l’ha fatto…. E gli altri?? Saranno mica tutti deficenti?.......meditate...meditate
Immagine Immagine
PCF E' AMICO DELL'AMBIENTE E A FAVORE DEL RICICLAGGIO


www.passionecarpfishing.com
www.lagomandarino.it

diego.carpa
UTENTE BANNATO
Messaggi: 3499
Iscritto il: 16/09/2009, 6:58
Regione: Piemonte
Località: Bra
sesso: M
data di nascita:: 22 giu 1980
Record cappotti: 5

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da diego.carpa » 30/01/2011, 11:35

Max hai dato la risposta piu' giusta

Avatar utente
Ritchie
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 3504
Iscritto il: 10/10/2009, 8:42
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 01 feb 1958
Record cappotti: 9

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Ritchie » 30/01/2011, 12:09

Credo siano state dette un mucchio di cose giuste su questo tema, e da tutti.
Abbiamo anche fra di noi un gestore di lago a pagamento che fa quello che dice, e avrebbe da insegnarla a molti su cosa dovrebbe essere un lago a pagamento, e su come va gestito. Questo aumenta di molto la credibilità delle nostre affermazioni.
Anch'io ritengo, come Ska, che il fenomeno delle carpe volanti "lecite"(sulle "non lecite" il discorso è molto più ovvio) vada combattuto su più fronti, ad iniziare da quello della mentalità e della cultura del carpista, senza però trascurare da subito la denuncia di tutti gli aspetti del fenomeno da combattere: quello del prelievo di pesce da un posto per reimmetterlo in un altro. Ci sono aspetti illeciti ed aspetti leciti, quelli oggetto di questo argomento; ovvio che vanno combattuti con mezzi diversi, ma vanno combattuti. Denunciare la cultura e la mentalità, o meglio agire solo su questi fattori, è giusto, anzi, produce alla lunga i risultati migliori, ma non è sufficiente. Bisogna richiamare concretamente tutti quelli che giocano un ruolo nel problema, alle loro responsabilità.
Prendersela con i pescatori professionisti non ha senso, loro rispondono solo a delle richieste del mercato e se lo fanno in modo lecito possono non essermi simpatici, ma sarebbe stupido dare la colpa a loro.
CFI e molte associazioni, forum e gruppi di appassionati stanno già lavorando. Non sono un "introdotto" nel settore, per cui non saprei dire come lo stiano facendo e con quali risultati, ma ho fiducia.
Le riviste stanno facendo la loro parte, come dimostrato da questo editoriale
download/file.php?id=5536&mode=view
e da altri episodi... le riviste sono importanti, mi auguro che nel mondo del carpfishing stampato ci sia accordo su questi temi.
Ed i laghi? I gestori dei laghi non sono riuniti in associazione? Chi è e a cosa serve Assolaghi? Ecco quello che Assolaghi afferma nel suo sito, alla voce "mission":

L'attività della Federazione è mossa da un sincero interesse verso la tutela ambientale, lo sport, la promozione del turismo e l'utilità sociale.
Per questo negli anni ha consolidato la sua esperienza promuovendo, in collaborazione con gli attori istituzionali, iniziative che integrassero obiettivi diversi al raggiungimento di uno scopo comune: il rispetto e la salvaguardia dell'ambiente naturale.


Il fenomeno di cui stiamo discutendo è forse "rispetto e salvaguardia dell'ambiente naturale"? E se non lo è, non dovrebbe forse Assolaghi attivarsi presso tutti i suoi soci per combatterlo? Assolaghi raggruppa 150 laghi a pagamento, una cifra non indifferente, nella quale è facile immaginare che non pochi siano dedicati al carpfishing. Esistono altre associazioni del genere, ma trovatemene una che non abbia nel suo statuto la tanto reclamizzata "difesa dell'ambiente naturale".... E allora, che fanno? Tollerano il commercio di carpe, al di fuori di quelle da allevamento? Oppure no, ma allora perchè un gestore si associa, e poi sfrutta questo commercio? Perchè fa comodo avere la tesserina per qualche sconto o assistenza legale? Non so, vorrei che qualcuno mi spiegasse la situazione da questo versante.
Se poi devo ammettere che esiste la logica del business "tutto e subito" (non del business in sè, ma di questo tipo di business), per cui il pubblico esprime la "richiesta del mercato", e questa è rivolta alle big da fotografia, e bisogna pur rispondere beh, mi arrendo.... ma allora mi rivolgo al pubblico, e penso che se le cose stanno così è giusto parlare di carpisti di serie A, B, C...
Ultima modifica di Ritchie il 30/01/2011, 12:25, modificato 1 volta in totale.
Immagine Immagine Immagine
nous sommes du soleil

Avatar utente
Fabione
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 1413
Iscritto il: 07/08/2009, 12:40
Regione: Emilia Romagna
Località: Lugo di Romagna (RA)
sesso: M
data di nascita:: 09 dic 1975
Record cappotti: 7

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Fabione » 30/01/2011, 12:23

Mi aggiungo a Ritchie con questa domanda rivolta a chi ne sa più di me (quindi tutti).. ma sta famosa tesserina assolaghi o di altra associazione simile)... nell'effettivo, a che serve a me come pescatore (ok posso pescare nei laghi associati, e poi?) e al gestore del lago?
Credo cmq che si vada in OT, al max spostate/copiate questa domanda in un nuovo post.
Fabio Cassani
Immagine Immagine
ImmagineImmagineImmagine

Avatar utente
Ritchie
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 3504
Iscritto il: 10/10/2009, 8:42
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 01 feb 1958
Record cappotti: 9

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Ritchie » 30/01/2011, 12:28

Fabione ha scritto:Mi aggiungo a Ritchie con questa domanda rivolta a chi ne sa più di me (quindi tutti).. ma sta famosa tesserina assolaghi o di altra associazione simile)... nell'effettivo, a che serve a me come pescatore (ok posso pescare nei laghi associati, e poi?) e al gestore del lago?
Credo cmq che si vada in OT, al max spostate/copiate questa domanda in un nuovo post.
Chiedersi cosa fa e può fare Assolaghi per evitare il fenomeno di cui stiamo discutendo, non è finire in OT
Immagine Immagine Immagine
nous sommes du soleil

gobbonegg
UTENTE BANNATO
Messaggi: 966
Iscritto il: 07/09/2009, 11:39
Regione: Emilia Romagna
sesso: M
data di nascita:: 12 ott 1972
Record cappotti: 5

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da gobbonegg » 30/01/2011, 12:45

Scusa Max,ma se parli di gestione attenta del tuo lago non ci sarebbe bisogno di costanti nuove immissioni,seppur di piccola taglia e seppur di allevamento.Non si riproducono forse? non penso che il tuo lago sia modello "vecchio carpodromo" con le sponde in cemento e la totale assenza di vegetazione.In natura le carpe esistono da millenni senza che nessuno faccia continue immissioni e dovendo vedersela ogni giorno con secche,piene,malattie,pesci predatori,bracconieri,inquinamento,cementificazione.....
Io per gestione attenta intendo: per ogni carpa vecchia che muore ce ne' una piccola che nasce e col tempo diventera' grossa come lei.Poi ovviamente nessuno ti chiede di tener chiuso il lago nel periodo di frega,sarebbe una "finezza"

Avatar utente
Max74
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2922
Iscritto il: 17/08/2009, 10:33
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 16 mag 1974
Record cappotti: 100
Contatta:

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Max74 » 30/01/2011, 13:07

Fabione ha scritto:Mi aggiungo a Ritchie con questa domanda rivolta a chi ne sa più di me (quindi tutti).. ma sta famosa tesserina assolaghi o di altra associazione simile)... nell'effettivo, a che serve a me come pescatore (ok posso pescare nei laghi associati, e poi?) e al gestore del lago?
Credo cmq che si vada in OT, al max spostate/copiate questa domanda in un nuovo post.

Attenzione ragazzi, bisogna stare attenti al ruolo delle associazioni ed a quello che loro offrono... seppur non sono la persona indicata a dare certe risposte, posso nel mio piccolo illuminarvi su quello che Assolaghi offre agli associati, sia come laghetti sia come utenti..

L'associazione, offre per noi gestori un servizio di tipo legale-amministrativo, ossia tutte quelle info e quei moduli che se compilati a dovere tutelano l'a società sportiva nei confronti del fisco e della legge Italiana, quindi la corretta compilazione dei verbali di riunione, i bilanci e tutte quelle pratiche amministrative che rientrano nella gestione di una società sportiva..

I pescatori di riflesso godono dei vantaggi che la società sportiva affiliata offre ai propri clienti, la famosa tessera funge da assicurazione per il pescatore, in caso che ci si faccia male sul uogo di pesca la tessera funge da assicurazione....questa tessera è spendibile in tutti i laghi associati..questo per evitare che ogni laghetto abbia una propria tessera..che la maggior parte delle volte diventa solo una tessera per far soldi..e non si sa nemmeno se dietro il tesseramento ci sia un'assicurazione che ne risponda...
Offre inoltre diciamo una certa garanzia che la società associata sia in regola con le leggi vigenti sulle società sportive nei laghi di pesca....
Inoltre offe tutela sia ai laghetti che agli iscritti..nel senso che per averla bisogna dar ei dati personali, patente o carta di identità...quindi ogni pescatore iscritto se provoca danni o comportamenti illeciti è immediatamente individuabile... questo fà si che una persona eviti certi comportamenti nei confronti dei terzi.. inquanto sà che puo' essere facilmente identificata e di conseguenza perseguita..per legge.
Quindi se volgiamo funge da deterrente per i ‘’ furbetti’’…
Il problema segnalato va combattuto in maniera piu diretta..ossia intervenendo con le istituzioni pubbliche…che sono gli organi proposti alla risoluzione di queste problematiche…
Un associazione inoltre se attacca in qualche verso certi comportamenti ha l’onere della prova a proprio carico…. E qua sfido io chiunque a formulare prove in tribunale..come foto..filmati o testimoni … che spesso spariscono…per mancanza di voglia..per insicurezza..o semplice paura di avere problemi con la legge…piuttosto che la pigrizia di agire in prima persona…
Fermo resta che tutti… provati cittadini..pescatori..associazioni…etc..etc.. possono segnalare e combattere certi fenomeni..fermo resta che poi c’è da spendere una marea di soldi per muoversi legalmente..e soprattutto…la cosa che piu spaventa in Italia.. sono i volta faccia… non è la prima volta che tutti gridano..facciamo… qualcuno paret in quarta convinto di essere appoggiato da tutti..e poi..e poi… rimane solo perché.. gli ALTRI o si tirano indietro..e rimangono li a vedere ciò che succede..pensando che solo perché ha detto io ci sto..le cose poi vanno avanti da sole…
Purtroppo non è così… e lo si vede non solo nella pesca ma in tutti gli altri settori Italiani… dove chi protestaper bisogno…è sempre poi criticato dal cittadino che non h interesse per quella cosa… facendo cosi cadere la protesta..coem un disservizio agli altri….
Teoricamente se un problema si vuole risolvere..quello delle carpe..come tutti gli altri problemi Italiani..vanno portati avanti con il popolo..unito e coeso per un cambiamento….Ma questo avviene in Francia..avviene in altri stati dove il popolo veramente è unito..anche per problemi che non toccano direttamente 1 cittadino..ma solo una parte…o una categoria…. Ma in Italia..lo sappiamo..non è così..
Prima di chiedere aiuto agli enti…cerchiamo di essere uniti tra noi comuni cittadini..è solo cosi..che gli enti si muoveranno..perchè sono sicuri che non saranno soli in questo percorso..

Scusate se mi sono dilungato.
Immagine Immagine
PCF E' AMICO DELL'AMBIENTE E A FAVORE DEL RICICLAGGIO


www.passionecarpfishing.com
www.lagomandarino.it

Avatar utente
Max74
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2922
Iscritto il: 17/08/2009, 10:33
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 16 mag 1974
Record cappotti: 100
Contatta:

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Max74 » 30/01/2011, 13:11

gobbonegg ha scritto:Scusa Max,ma se parli di gestione attenta del tuo lago non ci sarebbe bisogno di costanti nuove immissioni,seppur di piccola taglia e seppur di allevamento.Non si riproducono forse? non penso che il tuo lago sia modello "vecchio carpodromo" con le sponde in cemento e la totale assenza di vegetazione.In natura le carpe esistono da millenni senza che nessuno faccia continue immissioni e dovendo vedersela ogni giorno con secche,piene,malattie,pesci predatori,bracconieri,inquinamento,cementificazione.....
Io per gestione attenta intendo: per ogni carpa vecchia che muore ce ne' una piccola che nasce e col tempo diventera' grossa come lei.Poi ovviamente nessuno ti chiede di tener chiuso il lago nel periodo di frega,sarebbe una "finezza"

No..no... non fraintendere... è chiaro che i pesci si riproducono da soli se l'habitat è idoneo, ed in effetti al MAndarino è così, si riproducono costantemente..carpe..ma anche pesci gatto, black...persici sole e cosi via...
Ho parlato di immissioni continue per far rientrare il concetto in un discorso piu ampio...ossia che anche dove la riproduzione naturale non avviene...si puo' sempre immetere qualche piccola carpetta..in modo da dare continuità alle specie..
Forse mi ero spiegato male..chiedo venia! :D
Immagine Immagine
PCF E' AMICO DELL'AMBIENTE E A FAVORE DEL RICICLAGGIO


www.passionecarpfishing.com
www.lagomandarino.it

Avatar utente
FruLLo_82
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 1416
Iscritto il: 15/06/2009, 11:49
Regione: Emilia Romagna
Località: MODENA
sesso: M
data di nascita:: 28 set 1982
Record cappotti: 9
Contatta:

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da FruLLo_82 » 30/01/2011, 13:54

A tutto quanto detto, c'è da aggiungere una cosa per me sostanziale che NON vuole scagionare il gestore del lago a pago, ma solo completare un discorso fatto fin ora nel migliore dei modi.
Max sa che lui non c'entra perchè il suo lago già è abbastanza equilibrato ora come ora e questo problema non lo riguarda. purtroppo ci ho pescato solo una volta in compagnia con 3 amici e non altre volte ma ci siamo divertiti ed è stato un piacere conoscerlo!

In ogni lago seppur vegetato e naturale che sia, non è sempre detto che i pesci crescono da soli, come non è detto crescono con 1000 boilies al giorno, infatti i ciprinidi hanno (come gli umani) caratteristiche proprie di natura, può esistere un "ceppo" di carpa che non cresce o che cresce un pòma poi di ferma li... quindi purtroppo finchè parliamo di un fiume odi un vecchio lago o cava allora si nel 90% dei casi esemplari fino a 10 o 12 kg spesso ci sono (magari pochi) ma ci sono, mentre esempio nei laghi di campagna non si ha mai la certezza... e soprattutto parliamo di un ecosistema dove purtroppo si crea un equilibrio negli anni che noi pasturando andiamo SEMPRE a rompere e magari se nel laghettino son presenti cozze o gamberi il pesce non accetterà mai le nostre palline... o meglio possiamo riassumere il concetto dicendo:
"c'è la carpa stupida o mangiona che ingrassa 5 o 6 kg in una annata a forza di ingoiare palline... e c'è quella che non la mangerà mai!

quindi appurato ciò, che mi pare quasi una certezza, credo che il problema di base per chi cerca , compra , ed immette carpe o pesci volanti è il fatto di capire POCO di pesca e di natura, non vuole spendere denaro a rivolgersi ad un ittiologo o un esperto, e quindi cerca la soluzione più facile ! che è la più stupida poi perchè non sa i danni che crea, e non sa che se spende un pozzo di denaro per una 30kg c'è la possibilità come in alcuni casi cche conosco che diventi 24kg nel giro di poco più di un anno...
insomma, anche qui, la radice del problema è il carpista "di moda" che deve prendere una big... e paga solo dove sa che la può prendere!
questa è tutta gente che non è stupida ma è gente che non ha mai provato cosa vuol dire l'adrenalina di avere in canna una carpetta anche di 7 o 8 kg che è completamente incazzata perchè non sa cosa gli sta succedendo... quindi preferisce una 20kg cotta come un pero... che viene su a sacco di patate
Ultima modifica di FruLLo_82 il 30/01/2011, 14:01, modificato 1 volta in totale.
TEAM IO E BASTA !

Avatar utente
angelo
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 8285
Iscritto il: 19/03/2009, 20:27
Regione: Piemonte
Località: prato sesia
sesso: M
data di nascita:: 18 ott 1953
Record cappotti: 7

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da angelo » 30/01/2011, 13:57

Ho parlato di immissioni continue per far rientrare il concetto in un discorso piu ampio...ossia che anche dove la riproduzione naturale non avviene...si puo' sempre immetere qualche piccola carpetta..in modo da dare continuità alle specie.
concordo in tutto quel che dici Max e pecialmente queata frase, ma voglio aggiungere che immettendo pesce di diversa provenienza si rafforza la spece in quanto cambiano i geni dei pesci immessi
Immagine Immagine Immagine Immagine
Red Angel bait Official Tester

Avatar utente
Max74
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2922
Iscritto il: 17/08/2009, 10:33
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 16 mag 1974
Record cappotti: 100
Contatta:

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Max74 » 30/01/2011, 14:04

angelo ha scritto:
Ho parlato di immissioni continue per far rientrare il concetto in un discorso piu ampio...ossia che anche dove la riproduzione naturale non avviene...si puo' sempre immetere qualche piccola carpetta..in modo da dare continuità alle specie.
concordo in tutto quel che dici Max e pecialmente queata frase, ma voglio aggiungere che immettendo pesce di diversa provenienza si rafforza la spece in quanto cambiano i geni dei pesci immessi

E si...il cambio della linea di sangue..è essenziale per far riprodurre i pesci...perchè se non c'è ricambio...si hanno molte possibilità di non riproduzione..oltre che avere pesci con malformazioni naturali...
Insomma è un o' coem per gli uomini... ci si riproduce tra linee di sangue diverse dai parenti..appunto per evitare problemi genetici..etc..etc..
Bravo Angelo, questa è un acosa importantissima da dire!!! :mavai:
Immagine Immagine
PCF E' AMICO DELL'AMBIENTE E A FAVORE DEL RICICLAGGIO


www.passionecarpfishing.com
www.lagomandarino.it

Avatar utente
Ritchie
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 3504
Iscritto il: 10/10/2009, 8:42
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 01 feb 1958
Record cappotti: 9

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Ritchie » 30/01/2011, 15:44

angelo ha scritto:
Ho parlato di immissioni continue per far rientrare il concetto in un discorso piu ampio...ossia che anche dove la riproduzione naturale non avviene...si puo' sempre immetere qualche piccola carpetta..in modo da dare continuità alle specie.
concordo in tutto quel che dici Max e pecialmente queata frase, ma voglio aggiungere che immettendo pesce di diversa provenienza si rafforza la spece in quanto cambiano i geni dei pesci immessi
Certo, è così anche per gli esseri umani.
Ma dipende.... non sono infrequenti i casi in cui il pesce immesso provoca malattie in quello residente, o viceversa
Immagine Immagine Immagine
nous sommes du soleil

Avatar utente
Ritchie
Carpista Super
Carpista Super
Messaggi: 3504
Iscritto il: 10/10/2009, 8:42
Regione: Lombardia
Località: Brescia
sesso: M
data di nascita:: 01 feb 1958
Record cappotti: 9

Re: carpe volanti "lecite"

Messaggio da Ritchie » 30/01/2011, 16:00

Max74 ha scritto: L'associazione, offre per noi gestori un servizio di tipo legale-amministrativo, ossia tutte quelle info e quei moduli che se compilati a dovere tutelano l'a società sportiva nei confronti del fisco e della legge Italiana....
Immaginavo che fosse così.... ma è la stessa Assolaghi a dichiarare che la sua missione è quella di proteggere l'ambiente. Qui il servizio legale-amministrativo non c'entra nulla. Non me la sto prendendo con Assolaghi, sto solo sostenendo che deve muoversi anche lei, come tutti, se si vuole la tutela della carpa e degli interessi dei carpisti
Max74 ha scritto: Prima di chiedere aiuto agli enti…cerchiamo di essere uniti tra noi comuni cittadini..è solo cosi..che gli enti si muoveranno..perchè sono sicuri che non saranno soli in questo percorso..
Non capisco, Max. O meglio, ti capisco nel concetto generale, ma nello specifico di cui stiamo parlando mi sembra che i carpisti siano ben uniti, e da tempo, e ben concordi nel chiedere il rispetto di certe regole, prime fra tutte quelle che proteggono il pesce e vorrebbero evitare che questo fosse merce di scambio.
Se ancora stiamo discutendo di certe nefandezze, non è certo perchè provocate dai carpisti, ma da una logica di business che va contro le regole e lo spirito del carpfishing .
O no? O esistono carpisti che godono della big a tutti i costi e pur di avere qualche possibilità di prenderla tollerano che sia comprata? A volte mi vengono dei dubbi....
Immagine Immagine Immagine
nous sommes du soleil

Rispondi

Torna a “AMBIENTE E NATURA (Segnalazioni)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite